SITy, la panchina da esterno!

Con il presente lavoro relativo alla panchina da esterno SITy, il gruppo Alma Laser Sediorum dell’Università di Bologna – Scuola di Ingegneria e Architettura, si è candidato ed ha vinto la competizione internazionale “The Laser Promotion Award 2017” indetto da AITeM (Associazione Italiana Tecnologia Meccanica) e PromozioneL@ser. Il premio è stato supportato da due sponsor oro: BLM Group, Trumpf; due sponsor Argento: IPG e Optoprim; tre enti patrocinanti: PubliTec, UCIMU – Sistemi per Produrre e SIRI (Associazione Italiana di Robotica e Automazione). Con questo premio, Promozione L@ser, gli sponsor e gli enti patrocinanti l’iniziativa intendono contribuire alla diffusione delle conoscenze e competenze nell’ambito dei sistemi e delle lavorazioni laser, accompagnando allievi dei corsi universitari in un progetto dedicato alle lavorazioni laser e contestualizzando tale tecnologia nella dimensione economica e manifatturiera che, ormai, non è possibile ignorare ogni volta si proponga un’innovazione: l’Industria 4.0.

In collaborazione con AITeM – PromozioneL@aser

Industria 4.0 significa flessibilità e produttività, significa personalizzazione del prodotto e attenzione al suo impatto ambientale durante l’intero ciclo di vita, dalla produzione fino al riciclo. La quarta rivoluzione industriale si pone l’obiettivo strategico di indicare una nuova direzione all’industria, unendo tutti i suddetti temi fino a poco tempo fa considerati incompatibili fra loro, garantendo quindi uno sviluppo sostenibile dei futuri sistemi produttivi. L’applicazione di questo paradigma rivoluzionario è realizzabile solo grazie all’integrazione delle nuove tecnologie disponibili, e a un utilizzo pieno delle loro potenzialità. Ed è qui che possiamo ricollegarci la tecnologia di taglio e saldatura laser. Sono tante le considerazioni che, se opportunamente soppesate, rendono ragione del successo delle lavorazioni laser: la grande flessibilità di forme e geometrie realizzabili, dovuta al fatto che si tratta di processi “nativi digitali”; la grande disponibilità di sorgenti laser e sistemi adatti alla realizzazione di numerosi processi, a partire dal taglio, la saldatura, la microlavorazione per ablazione, il trattamento termico, la pallinatura laser. A questo elenco, possiamo aggiungere le elevate precisioni delle lavorazioni laser unita a un’alta qualità dei prodotti, che determina un utilizzo ottimale del materiale grezzo di partenza e la riduzione degli sprechi. Ovviamente, tutto ciò determina ricadute sulla produttività e sull’ambiente non irrilevanti, che sono possibili grazie alla tecnologia laser e ai software avanzati di progettazione e programmazione.
Integrando queste premesse alle specifiche del progetto, il gruppo Alma Laser Sediorum propone SITy, la panchina che, fin dalla sua progettazione, si pone l’obiettivo di tenere in considerazione tutti i temi precedentemente citati (Figura 1). Nella pratica, SITy include elementi di modularità, favorendo così un elevato grado di personalizzazione e agevolando manutenzione. SITy è green sotto vari aspetti, dai materiali selezionati per il loro elevato tasso di riciclabilità alla capacità di integrarsi in ogni contesto paesaggistico senza deturparlo, fino alla funzionalità addizionale di serra per piccole piante (Figura 2). Il suo design è semplice ed elegante, l’illuminazione LED la rende un raffinato oggetto di arredo, urbano e privato. Ma il cuore di SITy si trova nella personalizzazione, rispondendo quindi a un altro dei principi fondanti dell’Industria 4.0, la mass customization.

Presentazione prodotto
SITy è la panchina dal design rivoluzionario, si può descrivere in due parole, semplice e innovativa (Figura 3). Ciò che appare dal suo aspetto esteriore è la perfetta espressione di ciò che racchiude all’interno: i suoi componenti e il suo ciclo di fabbricazione. La semplicità è data dai materiali, disponibile in due varianti, acciaio inossidabile per chi predilige la solidità e alluminio per chi favorisce la leggerezza. Entrambi garantiscono la migliore resistenza agli sforzi, un’ottima tenuta all’usura e la totale sostenibilità in termini di riciclaggio del materiale utilizzato. Anche la forma richiama la semplicità, si tratta di due fogli di lamiera lavorati, ripiegati e uniti in modo tale da creare la perfetta struttura per una panchina dalle curve morbide e ampie. Nella zona adibita a seduta, vi sono due larghe doghe di legno di pino, adeguatamente trattate per l’ambiente esterno, esse favoriscono l’ergonomia e il comfort del corpo al contatto con la panchina. Il profilo aperto sottolinea l’eleganza delle linee, ma la forma cava è pensata anche in termini di ventilazione efficace del materiale e di un’agevole deflusso dell’acqua piovana.
Tuttavia, tale spazio può essere utilizzato, infatti, la struttura di SITy crea un ambiente a effetto-serra ideale per piante abituate alle calde temperature che possono essere irrigate spontaneamente dalla pioggia che attraversa i fori di scolo della panchina. Le tecnologie impiegate hanno trasformato un prodotto standard e anonimo, quale una panchina, in un prodotto di ultima generazione, innovativo e personalizzabile (Figura 4). SITy prevede processi di fabbricazione che vanno dalla piegatura dei fogli di lamiera, al loro taglio con tecnologia laser a CO2, tali da rendere ogni panchina, unica nel suo genere. Infatti, l’intera lamiera anteriore, dallo schienale fino al suolo, è interamente personalizzabile, ed è il cliente a decidere come decorarla, cosa scriverci e/o disegnarci, può essere una parola, una frase, una fantasia asimmetrica. SITy sfrutta il potenziale della tecnologia laser che permette grande flessibilità nella quantità e tipologia di disegni, pur contenendo i tempi e i costi di riconfigurazione del macchinario. Inoltre, SITy prevede di poter aggiungere su richiesta del cliente un altro elemento distintivo, l’illuminazione interna a LED che dona alla panchina funzionalità e estetica notturna (Figura 5).
Un minuto profilo in alluminio, quasi invisibile alla vista diurna, contenente una sottile striscia LED collegabile alla rete elettrica locale, rende la panchina doppiamente utile, sia come decorazione urbana, che come punto luce notturno per pedoni e ciclisti. Tale sistema di illuminazione è adatto agli ambienti esterni, inoltre è protetto dalla struttura portante al fine di evitare inquinamento luminoso nella zona in cui è installato.
La tecnologia a LED unisce l’ampia scelta legata ai possibili colori della luce (bianco caldo, freddo e neutro, giallo, arancione, rosso, viola, blu, azzurro e verde), il diverso grado di potenza e intensità luminosa, l’elevata durata del prodotto e lo scarso dispendio energetico. SITy è una panchina originale, pensata per molteplici ambienti cittadini (il parco urbano, il centro storico, il lungo mare, la fermata dell’autobus), il suo design rivoluzionario esalta la storicità dell’architettura locale fondendosi in un affascinante mix che lega passato presente e futuro (Figura 6). Se di giorno SITy colpisce per il suo design, di notte ciò che suggestiona è il gioco di luci fioche e frastagliate che escono dagli intagli. Un indiscutibile punto di forza di SITy è il limitato numero di componenti e di materiali utilizzati che rendono il prodotto funzionale, semplificando notevolmente la gestione della realizzazione del prodotto. Per iniziare la fase di approvvigionamento da fornitori esterni: il portafoglio fornitori è snello e al contempo si ha un’ampia scelta di alternative sul mercato di fornitura che permette di sfruttare la concorrenza per ottenere i migliori prezzi di vendita. La fase di gestione dei componenti a magazzino: pochi codici significano bassa complessità e bassi costi, in termini di spazio, tempo per definire l’allocazione di ognuno e bassa specificità del materiale utilizzato. Il ciclo di fabbricazione: snello e omogeneo per ogni panchina – per quanto il prodotto finito appaia unico e originale il ciclo di fabbricazione del prodotto non subisce nessuna variazione sostanziale ma sfrutta la grande flessibilità propria dei sistemi di lavorazione laser per generare motivi di personalizzazione del prodotto.
Lo stoccaggio e il trasporto: il prodotto è scomposto in tre semilavorati (lamiera posteriore, lamiera anteriore, sistema di illuminazione) che vengono uniti solo una volta trasportati nella zona prescelta per l’installazione della panchina. Questo permette di ridurre gli spazi in magazzino, rende il prodotto facilmente trasportabile e permette di valutare la perfetta allocazione della panchina in ragione degli allacciamenti per la corrente elettrica. SITy ha una forma ideale in caso di manutenzione, se uno dei due fogli di lamiera si usurasse maggiormente o divenisse inutilizzabile rispetto all’altro, basterebbe cambiarlo in loco e montare il pezzo sostitutivo.
I materiali impiegati, principalmente tre, acciaio inox, alluminio e legno, agevolano qualsiasi processo di recupero del prodotto una volta esaurito il suo ciclo di vita. I semilavorati quali le lamiere di metallo sono pensati per dare eternità al prodotto e contemporaneamente l’immediato smaltimento se necessario. Acciaio, alluminio e doghe di legno sono facilmente riciclabili e/o riadattabili per altri usi industriali.

Prove di carico statiche
Utilizzando appositi software si è simulato quelle che potevano essere le reali condizioni di carico e deformazione della panchina. Per queste prove è stato utilizzato come materiale l’Acciaio AISI 304 sollecitato da una forza pari a 4.000 N su entrambe gli assi di seduta, che corrispondono a circa 400 kg. Inoltre si è supposto che ci fosse continuità di materiale grazie all’utilizzo di rivetti nella parte superiore della panchina e tenuto come vincoli le superfici a contatto con il suolo. Tutto questo è stato studiato per cercare lo spessore minimo che consentisse di mantenere un design snello e allo stesso tempo capace di garantire sicurezza dal punto di vista strutturale.
È stata inserita una mesh molto fitta, capace quindi di rappresentare anche i pezzi di minuteria, per rendere il più possibile realistica la simulazione e avere risultati più accurati.
Infatti, tali risultati sono osservabili nella (Figura 7): si può notare come la sollecitazione sulla seduta non superi mai il limite di snervamento del materiale (indicato dalla freccia rossa), se non negli spigoli vivi. Tale prova però rispecchia il caso peggiore, ovvero quello con uno scasso rettangolare al posto delle eventuali scritte personalizzabili; nella realtà questi spigoli vivi non si presentano, e pertanto rimane una limitazione teorica. Per quanto riguarda lo spostamento si può notare una leggera inflessione del dorso nella panchina che è rappresentata in scala nella Figura.
Nella Figura 8 si è invece verificata la tenuta dello schienale, in accordo con le vigenti normative in materia. In questo modo, è possibile verificare eventuali rotture o deformazioni di questa parte. Fondamentale per le panchine, infatti, è il concetto di stabilità, che viene verificata mediante prove specifiche tra cui, la più importante, quella di ribaltamento all’indietro: la prova in questione è stata svolta applicando contemporaneamente alla sommità dello schienale una forza verticale di 600 N e una orizzontale di 20 N, con queste ipotesi la panchina non deve sbilanciarsi o ribaltarsi.
Lo stesso identico procedimento è stato utilizzato per valutare il comportamento della panchina nel caso di utilizzo della lega di alluminio 6082 Anticorodal al posto dell’acciaio AISI 304 Figura 9. Utilizzando le stesse ipotesi del caso precedente, per la panchina in lega leggera è stato determinato uno spessore minimo di 6 mm. Se si volesse mantenere lo stesso spessore minimo possibile per la panchina realizzata in acciaio allora si dovrebbe pensare all’inserimento di una nervatura interna per sostenere le sollecitazioni, essendo l’alluminio un materiale di minor resistenza rispetto all’acciaio.

Ciclo di lavoro
Le panchine per esterno della linea SITy si caratterizzano per il piacevole design, l’elevato grado di personalizzazione favorito dalle moderne tecnologie di taglio laser e i materiali di prima scelta utilizzati. I modelli riportati sono in acciaio inox AISI 304 o in una lega di alluminio 6082 Anticorodal, ma con ulteriori analisi strutturali è possibile inserire a catalogo nuovi materiali per soddisfare ogni esigenza del cliente.
Tali materiali sono stati scelti poiché coniugano caratteristiche meccaniche (carico di rottura, carico di snervamento e durezza), buona attitudine per le lavorazioni per deformazione plastica e un’elevata resistenza alla corrosione. Acciaio inox e alluminio rendono quindi SITy adatta per utilizzo esterno, senza la necessità di ulteriori trattamenti chimici, quali verniciatura. Inoltre, SITy pone attenzione al tema della sostenibilità ambientale, in quanto l’utilizzo di materiali metallici (in assenza di altre sostanze chimiche, come vernici) garantisce un alto tasso di riciclabilità del prodotto, favorito al tempo stesso dal valore intrinseco del metallo. In questo modo, SITy contribuisce ad alimentare un circolo virtuoso di riciclo di materiali preziosi, vantaggioso sia in termini ambientali sia economici: per esempio, il processo di riciclo dell’alluminio impiega solo il 5% dell’energia necessaria per la sua produzione ex-novo. Al design accattivante e moderno di SITy è possibile unire la forte personalizzazione del prodotto: questo vuole sottolineare l’unicità della relazione che SITy vuole sviluppare con ogni suo cliente. Le sedute in legno sono costituite da masselli in legno di pino impregnato in autoclave: grazie a questo trattamento, il legno può essere tranquillamente esposto agli agenti atmosferici. L’impregnazione in autoclave garantisce, infatti, una totale protezione contro muffe, marcilenze e funghi, e in accordo con i precedenti materiali utilizzati ha lo scopo di fornire grande durabilità e resistenza all’usura. Infine, le panchine SITy sono disponibili anche con un sistema d’illuminazione a basso consumo in tecnologia LED. Installato sotto la seduta, questa fonte luminosa, lineare e modulabile, permette di creare un originale effetto di galleggiamento, ponendo in risalto le personalizzazioni richieste dal Cliente. Nella Tabella 1 è elencato, nel dettaglio, il ciclo di lavoro per la realizzazione di SITy1. Il ciclo di lavoro evidenzia come si mescolino l’utilizzo della tecnologia di taglio laser CO2 (Figura 10) con tecniche più tradizionali, al fine di ottenere un prodotto unico e al tempo stesso economico per il cliente: un processo similmente integrato che, da una parte, garantisce velocità di lavorazione e un elevato grado di personalizzazione, dall’altra assicura economicità sulle operazioni non a valore aggiunto per il cliente. Inoltre, l’utilizzo del laser CO2, guidato dalle moderne macchine utensili a CNC, è allineato con i principi dell’Industry 4.0, dove un’interazione uomo-macchina rapida ed efficiente permette di ottenere la flessibilità e personalizzazione dei prodotti richiesta dal mercato. Il ciclo di lavoro di SITy prevede, per prima cosa, l’acquisto del coil di materiale grezzo, in funzione delle richieste del cliente. Se non già disponibile, acquistare maggiori quantità di grezzo rispetto a quelle strettamente necessarie permette di sfruttare economia di scala, quindi ridurre l’impatto del costo d’acquisto del materiale sul costo finale del prodotto. Per facilitare la realizzazione della struttura di SITy, la panchina si compone di due parti, chiamate Lamiera1 e Lamiera2. La scomposizione del prodotto presenta diversi aspetti positivi. In primo luogo, rende più economiche le operazioni di piegatura, facilitando contemporaneamente l’ottenimento delle linee che caratterizzano il design innovativo di SITy. In secondo luogo, ottimizza l’uso dei volumi dei mezzi di trasporto, essendo le lamiere impilabili, al tempo stesso facilita la manutenzione dell’arredo urbano e la sostituibilità di elementi danneggiati. Infine, questa soluzione permette di effettuare le operazioni di taglio laser CO2 in piano, quali i fori richiesti dalla soluzione strutturale ottenuta e le asole per lo scolo dell’acqua piovana. Tuttavia, la caratteristica differenziante di SITy è la completa personalizzazione del prodotto su due aree definite: schienale e parte inferiore della Lamiera1. Infatti, il disegno fornito da cliente può essere rapidamente trasferito sulla lamiera tramite l’utilizzo di software integrato CAD/CAM, il quale elabora la geometria richiesta, traducendola in comandi per il sistema di taglio laser. È necessario sottolineare come la scelta di questa tecnica di taglio tramite laser CO2 non sia casuale, ma dovuta alla sua già elevata diffusione e reperibilità sul mercato delle lavorazioni meccaniche, nonché alla buona interazione con i materiali di cui si compone SITy. Riassumendo, la tecnologia laser CO2 integra in un unico strumento flessibilità, velocità d’esecuzione, economicità ed elevata personalizzazione. È importante avere anche l’accortezza di effettuare il taglio sulla superficie esterna in modo tale che non sia necessario svolgere attività di finitura poiché in entrata il laser genera una finitura accettabile. Nonostante questo è necessario effettuare una verifica di qualità superficiale prima di mettere in vendita il prodotto.

Il montaggio in loco
In Tabella 2 viene spiegato come avviene il montaggio in loco a seguito del trasporto. La decisione di non forare la Lamiera2 (simmetricamente alla Lamiera1) è una scelta ponderata: questa soluzione facilita il centraggio al momento del montaggio della panchina nel luogo desiderato. Eventualmente, in questa fase finale, è possibile installare internamente un sistema di illuminazione LED che, a fronte di bassi costi di funzionamento, garantisce un ulteriore elemento di personalizzazione del prodotto, data la varietà di colorazioni e potenza applicabili. La manutenzione è facilitata dall’utilizzo di un incollaggio che, tramite appositi solventi non corrosivi per il metallo, permette una facile sostituzione del componente. I costi di allacciamento alla rete elettrica non sono considerati. Il Ciclo di Lavoro sopra riportato fa riferimento all’utilizzo di acciaio inox AISI 304; per la variante in Alluminio 6082, si dovranno tenere in conto ulteriori accorgimenti per superare alcune criticità, principalmente legate alle differenti caratteristiche fisiche del materiale. Dagli studi sui carichi effettuati sulla versione in Alluminio di SITy, la panchina richiederà un incremento dei raggi di raccordo, congiuntamente all’irrigidimento tramite nervatura o altri elementi interni di sostegno alla struttura. Altrimenti, si può ovviare a questi problemi strutturali incrementando lo spessore delle lamiere. Concludendo, i materiali individuati, insieme alle relative prove di carico, di fatica e di urto effettuate tramite software, nonché il rispetto di ulteriori requisiti dimensionali, fanno sì che sia possibile apportare su SITy il riferimento alla norma UNI 11306:2009. La conformità delle prestazioni del prodotto a tale norma garantisce la sicurezza dell’oggetto e la sua commercializzazione sul mercato italiano.

Analisi dei costi
Dopo un excursus sulle peculiarità e caratteristiche di SITy, vogliamo focalizzare la nostra attenzione sui costi da sostenere per la realizzazione della nostra panchina. I costi che verranno presentati in seguito sono calcolati per la realizzazione di una sola panchina, del modello realizzato come nelle Figura 1 e 2.

Componenti (Tabella 3)
La lamiera è stata ottenuta da un coil di acciaio inox delle dimensioni di 12.000 x 1.500 x 4 mm dal quale è possibile ricavare quattro lamiere per realizzare altrettante panchine. Acquistare un coil risulta, dal punto di vista economico, la scelta più vantaggiosa. La lamiera sarà divisa tramite taglio laser in due lamiere: lamiera 1 1.410 x 1.500 x 4 mm e lamiera 2 910 x 1.500 x 4 mm.

Lavorazioni
1. Lavorazioni Laser (Tabella 4)
In questa voce è considerata la scritta “Bologna”, la realizzazione dei fori per le viti e i chiodi, il taglio (e la finitura dello stesso) della lamiera nelle due lamiere da lavorare.
2. Piegatura (Tabella 5)
3. Assemblaggio (Tabella 6)
Il led è un componente la cui presenza è una scelta a discrezione dell’acquirente, per cui il costo di installazione sarà da considerare in base alla sua presenza.
Componenti Modulari (Tabelle 7 e 8)
Valore calcolato partendo dall’acquisto di una striscia LED del costo di 98 €/5 m
Riepilogo costi (Tabelle 9)
Per una stima più corretta verrà applicato al costo di produzione un aumento del 15% che tenga conto del costo di trasporto e del costo della mano d’opera non considerata in precedenza.
Costo SITy: 558,18 € x 1,15 = 641,90 €
Costo SITy con LED: 605,41 x 1,15 = 696,22 €

DEFINIZIONE PREZZO DI VENDITA
Per la definizione del prezzo di vendita, calcolati i costi diretti per la realizzazione di una panchina, risulta necessario considerare tutte le variabili di costo indirette che devono essere allocate al prodotto.
Tali voci non possono essere considerate con esattezza nella definizione del prezzo di una singola panchina, in quanto dipendono dai volumi produttivi da realizzare e dal numero di pezzi su cui “spalmare” i costi. Approssimativamente, elenchiamo i costi indiretti: costi commercializzazione (agente, gestione sito, pubblicità in generale); ammortamento macchinari; costo manutenzione (stimabile nel 5% del costo di ammortamento macchinari); ammortamento capannone; assicurazione; costo dell’energia utilizzata.
Nell’impossibilità di stimare le voci appena elencate, il prezzo di vendita di SITy viene stimato sulla base del calcolo dei costi diretti mostrati precedentemente, a cui si aggiunge approssimativamente un margine del 30% che copra i costi indiretti garantendo allo stesso tempo un utile d’impresa Tabella 10.
Nota n°1: la panchina può essere realizzata anche in alluminio, partendo da una lamiera di alluminio delle dimensioni di 1.500 x 3.000 x 6 mm del peso di 72,9 Kg e dal costo di 4,5 €/Kg per un costo totale di 328 €.
Nota n°2: il costo della panchina è stato stimato su un singolo esemplare per dare un’idea rappresentativa di costo di realizzazione, con le personalizzazioni proposte da noi. I costi varieranno a seconda del tipo di personalizzazione richiesta dal cliente. I costi presentati sono stati stimati con l’ausilio di aziende del territorio operanti nel settore, a cui va il nostro più sentito ringraziamento.

Vendita del prodotto
Il prodotto è stato realizzato e pensato sia per una clientela pubblica (amministrazioni comunali, scuole, istituti etc), poiché rispetta le normative europee in fatto di oggetti di arredamento urbano, sia per una clientela privata. Entrambe le tipologie di clienti, potrebbero approcciare al prodotto tramite un’interfaccia software online capace di guidarli attraverso i vari step dell’acquisto: scegliere e personalizzare la propria SITy, visualizzare un prezzo parziale legato al materiale scelto e alla quantità, richiedere un preventivo commerciale completo per poi procedere, se soddisfatti, con l’acquisto vero e proprio. Quest’ultima fase non è immediata, infatti, dopo aver configurato la propria panchina,
i dati sono inviati all’azienda produttrice che completerà il preventivo e contatterà l’acquirente per delineare ogni dettaglio dall’aggiunta di intagli, al tipo di spedizione e pagamento.

SELEZIONARE TIPOLOGIA UTENTE
Come si può vedere dalla Figura 11, in alto a destra si seleziona il profilo utente a cui si fa riferimento: Azienda/Comune o Privato. Questa selezione non comporta un cambiamento immediato della pagina web ma nella procedura di acquisto verranno richiesti dei campi diversi per procedere all’ordine d’acquisto.

SCEGLIERE IL DESIGN, LA CITTÀ E IL MATERALE
Nella pagina sono presenti, di fianco del rendering della panchina, tre principali configuratori per personalizzare in maniera predefinita l’aspetto di SITy. La selezione a spunta permette decidere tra alcuni motivi preimpostati riferiti allo schienale della panchina. Per esempio, in questo caso, la voce “Dissolvenza Fori”. Il configuratore dei materiali e della Città sono progettati tramite una DropDown che permette in modo semplice e intuitivo una rapida selezione delle specifiche di personalizzazione. Una volta completata questa prima fase (motivo di decoro, città e materiali) il rendering della panchina si aggiorna con le specifiche selezionate mostrando un’immagine 3D del proprio acquisto e l’utente sarà in grado di ruotare la panchina a suo piacimento direttamente dalla pagina Web.

CARRELLO DI ACQUISTO
Nel carrello di acquisto viene fornito un primo preventivo che si aggiorna in base alle quantità richieste selezionabili dalla pagina e alle specifiche di personalizzazione precedentemente selezionate. Infatti, una diversa configurazione dei motivi di decoro e della scritta variano il prezzo che è una variabile dipendente dal tempo di utilizzo del laser per compiere la lavorazione.

PERSONALIZZAZIONE ULTERIORE
Nella sezione sottostante il sito è pensato per sfruttare al massimo la versatilità e la flessibilità del taglio Laser. Infatti nel caso comuni o privati volessero avere una panchina con uno schienale diverso dalle selezioni preimpostate o con una scritta diversa è possibile caricare in formato CAD il proprio design. Per evitare disegni e scritte con dimensioni non combacianti con quelle massime richieste, tramite il pulsante Download è possibile scaricare un file di disegno contenente un rettangolo con le dimensioni dello schienale e del frontale della panchina. All’interno del riquadro, l’utente può autonomamente disegnare qualsiasi tipo di motivo e successivamente caricare il file nella pagina Web. L’immagine del rendering della panchina verrà aggiornata, ma il prezzo non sarà calcolato in automatico. Prima di procedere con l’acquisto bisogna selezionare il materiale prescelto tramite la DropDown precedente. In caso l’utente si dimentichi questa opzione appare un messaggio di avviso. In ogni caso, si suppone che ci sia un esperto che verifichi le dimensioni dei disegni caricati, verifichi le normative e utilizzi il proprio know-how per garantire un prodotto completo. Procedendo alla richiesta di preventivo completo, l’acquirente verrà contattato solo dopo che i costi di lavorazione specifici saranno stati calcolati e approvati. l